giovedì 7 novembre 2013

Gravity


Regia: Alfonso Cuaròn
Attori: Sandra Bullock, George Clooney
Sceneggiatori: Alfonso Cuaròn, Jonas Cuaròn
Anno: 2013

E’ un periodo che guardo film italiani anni 50, 60, come “Riso amaro” di Giuseppe de Santis, “Ossessione” e “Il Gattopardo” di Visconti, qualche vecchio classico come “Il mucchio selvaggio” di Sam Peckinpah e di conseguenza non avevo ancora iniziato la nuova stagione cinematografica. Dato che avevo interesse a vedere questo film in 3D, ho deciso di guardarlo. La domanda principale è: finalmente il 3d avrà un senso? La mia personale risposta è un po’ si un po’ no!
La prima parte è perfetta: il 3d si sente, ha un suo peso, sembra di stare effettivamente li, insieme ai protagonisti, a soffrire con loro. Anche le musiche sono adatte al contesto e inserite al momento giusto, con quella “bella” sensazione di cupo che preannuncia il cataclisma. Azzeccato il contrappunto fra il gaudio George Clooney e la pessimista Sandra Bullock. Dove sta il problema, almeno per quanto mi riguarda, sta proprio nella sceneggiatura: per come si evolve la trama, non può che sopraggiungere la noia. E difatti le innovazioni di questo film, stanno tutte nella prima parte, perché dopo è già tutto scritto e visto. Nella seconda parte il 3d quasi svanisce, e si sente giusto nelle lacrime della Bullock, nelle goccioline che fluttuano nello spazio.  

In conclusione, sono rimasto contento a metà: secondo me, si poteva fare meglio. La sufficienza gliela do, però rimane la sensazione del “Si poteva fare di meglio”, quindi un po’ un’occasione sprecata. 

4 commenti:

  1. Io avrei voluto andare, ma alla fine l'ho bellamente perso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ crimson74

      Pazienza!
      Lo vedrai a casa quando vorrai.....
      Ciao!

      Elimina
  2. Nonostante la trama risicata, come spettacolo visivo mi è piaciuto molto e, per una volta, ho apprezzato anche il funzionalissimo treddì, che di solito detesto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Babol

      si il 3d si sente ma nella prima parte. Tra l'altro proprio andando contro le leggi della fisica più volte, hanno spianato la strada verso una trama un po' noiosa.
      Comunque è già qualcosa.....
      Ciao e bentornata!

      Elimina